giovedì, Luglio 16, 2020

Polemica per un fotomontaggio su Corleone

CORLEONE. “Volgari allusioni ad una Corleone terra di mafia e di delinquenza”. E’ polemica a distanza fra il sindaco Nicolò Nicolosi ed un ex assessore del Comune di Ceccano in provincia di Frosinone. Al primo cittadino corleonese, così come a tanti suoi concittadini, non è piaciuta l’ironia social di Camillo Maura. Nei giorni scorsi nel comune laziale c’è stato, infatti, il macabro ritrovamento di un cadavere in un carrello del supermercato.

Partner
Bar Marena


L’ex amministratore ciociaro ha così postato su Facebook un fotomontaggio col quale il cartello “Benvenuti a Ceccano” diventa “Benvenuti a Corleone”. Nicolosi, che annuncia azioni legali, la definisce una “volgare allusione ad una condizione della realtà corleonese che ha caratterizzato questa cittadina fino alla fine degli anni ‘80”.
Per il primo cittadino Corleone “ormai da decenni si è avviata su un cammino di riscatto e di rifiuto della violenza e della mafia”. Nicolosi sottolinea “l’impegno in un’ottica di crescita culturale e sociale che vede partecipi le istituzioni locali e la totalità dei Corleonesi”. Di qui la decisione di “dare mandato ai propri legali per “perseguire in tutte le sedi il signor Maura e quanti dovessero insistere nel denigrare la nostra comunità”.

Una vicenda analoga accade nel 2008 con San Giuseppe Jato. L’allora sindaco di San Nicandro Garganico nel foggiano, dopo una serie di omicidi, commentò: “Spero che con questi episodi non venga fuori un’idea distorta di San Nicandro che sia come San Giuseppe Jato”. Anche lì scoppiò inevitabilmente la polemica. L’allora sindaco jatino Giuseppe Siviglia mandò una lettera di protesta al collega Costantino Squeo. E la vicenda si chiarì senza strascichi legali. Stavolta invece la polemica potrebbe finire in tribunale. Il sindaco Nicolosi fa sapere di avere dato incarico ai legali per “per tutelare l’onore e la dignità di Corleone”.

Il fotomontaggio dell’ex assessore di Ceccano non è stato però l’unico episodio di ironia in Rete. Il cadavere del cinquantaduenne pizzaiolo Marcello Pisa era stato trovato giovedì scorso in un carrello non distante dalla filiale di un supermercato, alla periferia di Ceccano. Un centro di 25 mila abitanti alle porte di Frosinone. Una morte forse per overdose. Dopo la notizia del ritrovamento, però, sul Web si è scatenato uno humour macabro e irrispettoso. (LEAS)

Partner
Old Fashion

Marino assicurazioni


Similar Articles

Instagram

News Popolari

Monte Iato: per Spatafora la nomina di direttrice

Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ha firmato i decreti di nomina dei direttori dei Parchi archeologici regionali che così diventano...

Incidente sul lavoro a San Cipirello: operaio muore schiacciato

SAN CIPIRELLO. Incidente sul lavoro in un deposito di corso Trento: muore un operaio di 54 anni. A perdere la vita questa...

Mafia e politica: Infiltrazioni mafiose anche su Facebook

SAN CIPIRELLO. Infiltrazioni mafiose svelate anche dall’uso di Facebook. Nell’Era del Web 2.0, foto, post e likes possono raccontare, infatti, frequentazioni pericolose...